ricerche successorie, ricerche genealogiche
Davanti ad un mondo in continuo cambiamento,
la genealogia risponde in termini di stabilità e
certezza. Conoscere le proprie origini, significa
iscriversi nel tempo e ritrovare le radici che abbiamo
perso. Ciò attraverso le fonti, gli archivi e un accurato
lavoro di ricerche che necessita di persone preparate
e specializzate in materia.

Ricercare i propri avi negli archivi è spesso un
piacere, ma in molti casi diventa una necessità. Per
poter dimostrare di essere gli eredi di una persona
defunta bisogna procedere con delle ricerche genealogiche, ascendente ed in seguito discendente, partendo dagli avi in comune fino al defunto. Le ricerche genealogiche consistono nella consultazione di diversi archivi pubblici e/o privati.

Tali ricerche genealogiche sono spesso rese difficili dalle numerose emigrazioni delle famiglie, sia all’interno del proprio paese d’origine, sia verso paesi stranieri. L’Italia è stata sicuramente uno dei maggiori paesi europei di emigrazione, soprattutto verso l’America e la Francia, durante la seconda metà del XIX secolo e la prima metà del XX.

Per i professionisti che devono gestire le pratiche successorie (quali avvocati, notai, commercialisti) diventa quindi difficile definire una devoluzione completa, proprio a causa delle numerose emigrazioni delle famiglie, anche all’interno del proprio paese.

Potersi rivolgere a una figura professionale specializzata nelle ricerche genealogiche, che opera sia in Italia che nel resto del mondo, diventa di fondamentale importanza per poter devolvere con esattezza un’eredità agli effettivi aventi diritto.

Per poter dimostrare di essere gli eredi di una persona defunta bisogna procedere con delle ricerche genealogiche, ascendente ed in seguito discendente, partendo dagli avi in comune fino al defunto.